• Dom. Jul 14th, 2024

-> Noticias de futbol internacional

Serbia 0 Inghilterra 1 – Bellingham inevitabile, ma il ruolo del centrocampista Alexander-Arnold ha funzionato? – Il briefing

Serbia 0 Inghilterra 1 – Bellingham inevitabile, ma il ruolo del centrocampista Alexander-Arnold ha funzionato?  – Il briefing


La stagione dell’Inghilterra a Euro 2024 è iniziata con una vittoria di misura domenica sera quando ha sconfitto la Serbia 1-0.

È stato un torneo di gol iniziali e alla squadra di Gareth Southgate sono bastati solo 13 minuti per aprire il conto, grazie a un coraggioso colpo di testa di Jude Bellingham, 20 anni ma già impegnato nel suo terzo torneo internazionale.

Annuncio

La sconfitta amichevole contro l’Islanda è stata dimenticata poiché il passaggio corto e tagliente dell’Inghilterra ha limitato la Serbia a soli due tiri dalla distanza nei primi 45 minuti. Ma la squadra di Dragan Stojkovic è migliorata notevolmente nella ripresa e ha costretto l’Inghilterra a lavorare particolarmente duramente per i tre punti.

Qui, i nostri scrittori analizzano alcuni dei principali punti di discussione di una serata nervosa a Gelsenkirchen.


Jude Bellingham è inevitabile?

Stojkovic sabato sera ha parlato di non lasciare che Bellingham controlli la palla, faccia un passaggio e poi corra nello spazio vuoto. L’allenatore della Serbia ha detto che i suoi giocatori hanno lavorato tutta la settimana per fermare questo fenomeno.

Bene, ci sono voluti tutti i 13 minuti perché Bellingham raccogliesse la palla sulla linea di metà campo, la passasse lateralmente a Kyle Walker, che poi la passò a Bukayo Saka che correva dietro.

Bellingham, senza palla, ha continuato la sua corsa superando diversi giocatori serbi dormienti e ha incontrato il cross di Saka con un colpo di testa perfettamente sincronizzato per portare l’Inghilterra in vantaggio.

A soli 20 anni, potrebbe essere troppo presto per dire che la grandezza di Bellingham è inevitabile, ma è stato impeccabile nella gara di apertura di Euro 2024 dell’Inghilterra. Come si può vedere nella sua mappa tattile qui sopra, è stato influente su tutto il campo.

Che si trattasse di un delizioso e disinvolto passaggio al volo di Walker o di un tiro con Filip Kostic fuori dalla palla, la stella del Real Madrid era ovunque.


Bellingham ha segnato il gol della vittoria (Eddie Keogh – The FA/The FA tramite Getty Images)

Sarà fondamentale se l’Inghilterra vuole avere la possibilità di vincere il Campionato Europeo e la sua prestazione nella prima partita del Gruppo C ha dimostrato il perché. È stato un ottimo inizio per Bellingham, che non si lascia turbare da nulla.

Dan Sheldon


Come si è trovato Alexander-Arnold a centrocampo?

La gente metteva in dubbio l’inclusione di Trent Alexander-Arnold a centrocampo, ma dobbiamo riconoscere il suo ruolo nel contesto del calcio internazionale, dove è più probabile che siano le qualità e i momenti individuali ad essere valutati rispetto all’impatto di un giocatore sulla struttura del possesso palla.

Giudicare l’inclusione di Alexander-Arnold attraverso l’obiettivo di una squadra di club non è probabilmente la cosa migliore da fare. Il numero 8 dell’Inghilterra ha dimostrato di essere all’altezza del compito quest’estate con una prestazione matura in un centrocampo fluido contro la Serbia.

A volte, stava ricoprendo un ruolo ortodosso di terzino destro (sotto). In altre occasioni, si è nascosto per essere coinvolto nella preparazione, proprio come il suo ruolo in questa stagione per il Liverpool. Inoltre, non era raro vederlo spingere sull’ultima linea per bloccare più indietro i difensori centrali della Serbia.

Il punto in cui Alexander-Arnold sarà particolarmente prezioso a livello internazionale è trovare quelle lacune nella difesa avversaria dalla lunga distanza. A volte, la palla doveva essere cambiata rapidamente per spostare l’ostinato blocco difensivo della Serbia, e non c’è nessun giocatore inglese che possa infilare una palla con la precisione di Alexander-Arnold.


Alexander-Arnold titolare a centrocampo (Matt McNulty – UEFA/UEFA tramite Getty Images)

Certo, ha avuto uno o due momenti instabili in fase di possesso palla – uno dei quali è stato un turnover chiave al limite dell’area dell’Inghilterra che ha portato a un lucroso tentativo della Serbia in porta – ma il suo contributo positivo ha superato di gran lunga la narrativa pigra sulle sue capacità difensive.

Se non altro, il suo posizionamento in mezzo al parco è stato fondamentale per intercettare un passaggio della Serbia e avviare un pericoloso contropiede dell’Inghilterra. Southgate ha lavorato per mesi per garantire che questo “progetto” Alexander-Arnold funzionasse bene. A questo proposito, finora è andato tutto bene.

Marco Carey


Guehi solido al debutto nel torneo

Ci è voluta quasi un’ora perché Dusan Vlahovic avesse la meglio su Marc Guehi. È riuscito a superare il difensore centrale su un pallone della Serbia dietro, ma Kieran Trippier è riuscito a tagliare. Guehi ha il compito più difficile di qualsiasi giocatore inglese in questo torneo, sostituendo Harry Maguire, che è stato quasi sempre presente sotto Southgate – e ha mancato Euro 2024 per infortunio.

Annuncio

Era esattamente il tipo di gioco in cui Southgate avrebbe voluto anche Maguire: contro un sistema di terzini con cross pesanti, con due attaccanti, che necessitava di presenza aerea in entrambe le aree per negare occasioni alla Serbia e creare da calci piazzati. Guehi ha completato tutti i 32 passaggi nel primo tempo e ha vinto i suoi tre duelli, andando a stretto contatto con Vlahovic quando è entrato per ricevere e tenendo il suo in aria.

Essendo un destro da sinistra, i suoi angoli di costruzione possono essere scomodi, ma si è spinto costantemente in avanti nella metà campo della Serbia per supportare le rotazioni a sinistra tra Trippier, Bellingham e Foden. Non è stato proprio un battesimo del fuoco, ma contro un avversario particolarmente imbarazzante, Guehi ha tenuto duro.


Guehi ha impressionato come difensore centrale (Matthias Hangst/Getty Images)

Liam Tharme


Un inizio tipicamente lento da parte di Kane

Si è sempre detto che Kane avesse bisogno di costruire le stagioni, lottando ad agosto prima di innestare la marcia. Si potrebbe forse dire ora che inizia i tornei lentamente?

È stato a malapena coinvolto nei migliori momenti dell’Inghilterra nel primo tempo, anche se ha visto più palla dopo l’intervallo, quasi segnando un colpo di testa nel finale.

Il modo in cui gioca l’Inghilterra, con gli altri attaccanti che corrono oltre Kane, significa che non ha bisogno di segnare tutti i gol da solo.

Ma se qualcuno è preoccupato per l’inizio di Kane, basta guardare indietro ai suoi ultimi due tornei.

Ai Mondiali del Qatar non ha segnato nella fase a gironi, ma ha trovato la rete nelle partite a eliminazione diretta contro Senegal e Francia.

Agli ultimi Europei del 2021, sembrava lontano dal suo solito aspetto nella fase a gironi, senza segnare, portando ad alcune bizzarre chiamate che avrebbe dovuto essere abbandonato per Callum Wilson. Ma è stato brillante negli ottavi di finale, segnando quattro gol.

Annuncio

Non c’è ancora motivo di preoccuparsi.

Jack Pitt-Brooke


Kane ha giocato una partita tranquilla (Dean Mouhtaropoulos/Getty Images)


I tifosi inglesi dovrebbero preoccuparsi?

Per i primi 30 minuti circa, sembrava che questa fosse una squadra inglese recentemente espansiva e fiduciosa, che giocava un tipo di calcio più avanzato di quanto avessimo mai visto prima. Poi, col passare del tempo, è diventato qualcosa di leggermente più familiare, quando l’Inghilterra si è seduta e ha scavato, ha concesso occasioni e quello che inizialmente sembrava un gioco da ragazzi è diventato qualcosa di diverso.

Cosa ci dice questo? Che l’Inghilterra non ha la sicurezza o la lucidità necessarie per giocare a pieno ritmo per 90 minuti interi? Che a Southgate manchi il coraggio delle sue convinzioni e ricadrà sempre sulla comoda coperta di «Gazball»? Forse. Faresti fatica a sostenere che questi 90 minuti siano stati una prestazione completa o «esplicativa». Ma dovremmo tutti sapere com’è il calcio nei tornei adesso, che iniziare lentamente non è un disastro e che non ci sono premi per chi gioca il miglior calcio nella prima settimana.

Qualunque cosa tu pensi delle tattiche di Southgate, sa come farsi strada attraverso queste prime fasi. Le grandi conclusioni possono attendere.

Jack Pitt-Brooke


La squadra di Southgate ha visto la partita terminare (James Gill – Danehouse/Getty Images)


Quanti elogi merita la Serbia?

La Serbia ha impiegato quasi sei minuti per completare un passaggio. I primi 30 minuti non sono stati veramente in partita, a causa della forte rotazione dell’Inghilterra, che ha lasciato cadere un numero 9 per trasformare il 5-3-2 in un 5-4-1 e cercare di controllare il centrocampo. battaglia.

Stojkovic sembrava essere segnato dalla Coppa del Mondo 2022, dove la Serbia ha segnato cinque volte e ha condotto in due partite, ma ne ha subiti otto e si è classificata ultima nel proprio girone. Con una certa delusione, ha abbandonato il numero 10 Dusan Tadic, il loro principale creatore, e ha optato per un trio di centrocampo più fisico e difensivo composto da Sergej Milinkovic-Savic, Nemanja Gudelj e Sasa Lukic.

Il loro schema difensivo si è dimostrato ogni volta che l’Inghilterra ha provato a giocare con Bellingham o Kane. Bellingham è stato spesso incontrato con contatti e falli, mentre Kane ha lottato con Nikola Milenkovic per tutta la partita mentre Jordan Pickford calciava lungo.

Annuncio

Nella migliore delle ipotesi, la Serbia è estremamente minacciosa da aree ampie, può devastare in transizione e dividere le squadre quando gioca direttamente sugli attaccanti e posiziona i centrocampisti. L’infortunio nel primo tempo del terzino sinistro Filip Kostic non ha aiutato, costringendo Strahinja Pavlovic a uscire a lato. La Serbia non è tatticamente imprevedibile ma più inarrestabile sotto Stojkovic, e segna quasi sempre: 25 gol in 15 partite dopo la Coppa del Mondo, non riuscendo a segnare solo in due partite.


Tadic è stato il sostituto della Serbia nel secondo tempo (Ozan Kose/AFP tramite Getty Images)

L’Inghilterra ha messo i corpi nella propria area per difendere i cross della Serbia – ne ha completati solo due su 15 – e ha sfruttato la loro marcatura apatica per segnare lei stessa il vincitore su cross. La Serbia sa che questa è stata la partita più difficile, quindi sarà ottimista, soprattutto con quattro punti sufficienti per qualificarsi. La prossima partita della Slovenia è la partita ideale.

Liam Tharme


Declan Rice era l’eroe non celebrato?

Bellingham è stato l’eroe dell’Inghilterra, ma il contributo di Declan Rice non dovrebbe passare inosservato. Molto spesso, quando l’Inghilterra viveva pericolosamente, era il giocatore dell’Arsenal a mettere piede o a chiudere uno spazio.

C’è stato uno scenario particolare all’inizio del secondo tempo che ha riassunto la serata di Rice, lanciando un’ultima sfida per negare Andrija Zivkovic dopo che l’attaccante serbo ha preso la porta di Trippier e poi riordinando dopo che Alexander-Arnold è stato espulso in un’area pericolosa.

Rice sembrava stanco nel corso della partita, come molti suoi compagni di squadra, ma ha continuato a fare interventi importanti come quello fino alla fine.


Cosa ha detto Gareth Southgate?

Il tecnico dell’Inghilterra Gareth Southgate, parlando dopo la partita, ha dichiarato: “Sono una squadra forte. Abbiamo dovuto soffrire un po’, il che penso sia davvero positivo per noi riuscire a difendere il nostro box come abbiamo fatto sotto pressione. Era importante per il gruppo.

“Sono rimasto davvero soddisfatto di molte giocate, soprattutto nel primo tempo. Abbiamo usato davvero bene la palla. Nel secondo tempo non abbiamo tenuto le cose come avremmo dovuto, ma ottenere la vittoria e la partenza che abbiamo è davvero importante”.

Annuncio

Parlando di Jude Bellingham, ha aggiunto: “Scrive le sue sceneggiature, vero? Il tempismo delle sue corse, è stato un gioco fantastico anche nella preparazione al gol.

“In momenti diversi, tutti i nostri attaccanti sembravano pericolosi e hanno fatto un buon lavoro per la squadra”.


Cosa ha detto Dragan Stojkovic?

L’allenatore della Serbia Dragan Stojkovic ha dichiarato dopo la partita: “È stata una partita molto bella, alta qualità da entrambe le squadre. L’Inghilterra è una squadra molto buona e forte, ma abbiamo giocato una partita molto coraggiosa; lo stile di calcio che volevamo giocare.

“Con i cambi siamo riusciti ad arrivare dove volevamo: con il controllo della palla e facendo difendere l’Inghilterra. Sono orgoglioso di quello che abbiamo fatto, non meritavamo di perdere ma continueremo ad andare avanti.

“Non sono soddisfatto del risultato, ovviamente, ma è quello che è e abbiamo abbastanza tempo per riposarci e recuperare. Faremo tutto il possibile contro la Slovenia: dobbiamo vincere. Faccio i complimenti a tutti i giocatori per stasera, non ci sono frustrazioni a parte il risultato. Non mi piace perdere, ma fa parte del lavoro”.


Quale futuro per la Serbia?

Giovedì 20 giugno: Slovenia, Gruppo C (Monaco), 14:00 BST, 9:00 ET

Quale futuro per l’Inghilterra?

Giovedì 20 giugno: Danimarca, Gruppo C (Francoforte), 17:00 BST, mezzogiorno ET


Lettura consigliata

  • Il percorso verso la gloria di Jude Bellingham: una stella inglese dall’età di 14 anni
  • Guida alla squadra della Serbia per Euro 2024: problemi tattici, carenza difensiva e un allenatore impopolare

(Foto in alto: Getty Images)